Home Blog A22 e parcheggio del camion a Rovereto sud in zona Marco: quali...

A22 e parcheggio del camion a Rovereto sud in zona Marco: quali rilevazioni sulle emissioni? Quali i servizi erogati ai camionisti in transito? La Provincia chiarisca con risposte tecniche e si attivi

0 44

CONDIVIDI SUI SOCIAL:

 Come correttamente era nella programmazione dei lavori delle opere e infrastrutture dell’Autostrada del Brennero, è stato realizzato un ampio parcheggio per camion proprio in uscita dall’A22 al casello di Rovereto Sud; una realizzazione eseguita con grande impegno e sulla quale, anche dal punto di vista della progettazione, nulla si può eccepire, proprio anche per la conformazione e la disposizione delle piazzole in termini generali. Quello di cui chiediamo chiarezza vista le perplessità sollevate da molti residenti, verte su due punti.

Il primo è per sapere se vi sia in progetto, un servizio di ristorazione al servizio delle decine e decine di camionisti in sosta, visto che vi sarebbe la possibilità di permettere a qualche soggetto interessato, di essere presente, nel rispetto della massima professionalità, con quei furgoni all’uopo attrezzati e che forniscono pasti vari e bevande in genere, visto che le vicinanze e perciò il ristoro per quei molti camionisti è lontano dal luogo. E visto che il sabato e la domenica, normalmente, questi lavoratori dormono e pernottano in quel luogo, sarebbe opportuno dare loro un servizio assolutamente indispensabile senza, allo stesso tempo, alcun tipo di peso per l’A22.

Il secondo aspetto su cui si chiedono dei chiarimenti è quello dell’allocazione, per la quale si chiede se si siano effettuate delle verifiche perché in linea d’aria è nella realtà a poche centinaia di metri dall’abitato di Marco, che già sopporta altre problematicità e che con questa scelta, oggi deve anche verosimilmente sopportare gli effetti di queste soste che, se doverose per i camionisti, la loro sicurezza e per il rispetto dei sabati e domeniche cui è inibita la circolazione, divengono problematiche per chi invece nelle immediate vicinanze risiede, abita e vive quotidianamente.

E’ risaputo infatti che al mattino, nelle giornate fredde, il processo di accensione dei camion e degli autotreni risulta essere di fatto una fase temporalmente prolungata, con la conseguente ed inevitabile emissione nell’aria di polveri e sostanze non certo salubri e tipiche delle terre. Nelle stagioni calde invece, all’opposto, si registra invece l’evidente necessità dei camion frigo di mantenere proprio la temperatura costante all’interno dell’abitacolo e del cassone, con conseguenti emissioni anche in questo caso.

A fronte di questo, senza polemica alcuna ma proprio per dare la possibilità alla A 22 e conseguentemente alla Provincia, di spiegare il tutto, offrendo anche delle risposte tecniche, è opportuno sapere – nel rispetto e nella volontà di contemperare il diritto al lavoro ma anche al risposto degli autisti dei campion con quello altrettanto rilevante alla salute e alla quiete di chi risiede nelle vicinanze dell’area in questione – se si sia pensato di installare sistemi che verifichino lo stato dell’aria in quella zona, in caso affermativo quali esiti hanno dato, e, in caso negativo, entro quali termini e secondo quali modalità si intenda attivarsi in proposito.

Tutto ciò premesso il sottoscritto Consigliere

interroga il Presidente della Giunta provinciale e l’Assessore provinciale competente per sapere:

  • se A22, nel nuovo parcheggio alloccato a marco di Rovereto, all’uscita del casello di Rovereto sud, riservato agli autotrasportatori in transito, sia dotato di un servizio mensa in servizio o se, in alternativa, sia possibile rendere disponibili adeguati spazi per la presenza di almeno un furgone mobile, adeguatamente attrezzato per il servizio pasti, panini e bevande, affinché i camionisti in sosta possano avere un punto di ristoro, mensa e d’incontro;
  • se si confermano o si smentiscono le segnalazioni, riferite in premessa circa il fatto che, presso l’ampio parcheggio per camion proprio in uscita dall’A22 al casello di Rovereto Sud, sia nelle stagioni fredde sia in quelle calde – per ragioni diverse – vi sia l’inevitabile rilascio di emissioni inquinanti, per la necessità di tenere i motori dei mezzi in moto per riscaldarli in inverno e per la tutela dei mezzi frigoriferi in estate;
  • se, a tutela del servizio dato, ma anche dei residenti di Marco, si sia pensato di installare sistemi che verifichino lo stato dell’aria in quella zona, magari attraverso l’installazione e l’attivazione di una apposita centralina fissa, che possa rendere visibili i dati sulla qualità dell’aria;
  • in caso affermativo quali esiti hanno dato siffatte rilevazioni;
  • in caso negativo, cioè nell’eventualità in cui alcuna rilevazione delle emissioni da detto parcheggio per camion e autotreni sia stata effettuata, se condividendo la preoccupazione, si intenda attivarsi per l’installazione di detta centralina attraverso il coinvolgimento responsabile – come è sempre stato- di A22.

A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.

Cons. Claudio Civettini