Home Blog A22 e transito di mezzi pesanti: attivato controllo automatico catalogazione EURO per...

A22 e transito di mezzi pesanti: attivato controllo automatico catalogazione EURO per controllo inquinamento? Quali i numeri del fenomeno e quali i deterrenti per i mezzi insicuri e obsoleti?

0 53

CONDIVIDI SUI SOCIAL:

Quella del traffico – e della sua gestione – è senza alcun dubbio, e viene da dire purtroppo, una delle problematiche maggiormente attuali in un Trentino che cambia ma che fatica, complice una politica spesso non all’altezza delle sfide attuali, ad affrontare positivamente un processo di ammodernamento anche delle proprie infrastrutture. Il risultato di tutto ciò, o meglio uno dei risultati di questo, è visibile in flussi di traffico che non solo rimangono elevati ma, talvolta, risultano perfino in crescita.

Ne è un esempio – secondo quanto segnalatoci in ripetute occasioni, in particolar modo ultimi tempi – la carovana infinita di tir e mezzi pesanti che transita con frequenza quasi quotidiana tra Bolzano-Rovereto e Ala, che se da una parte è letta come segno dell’intensificarsi dei processi produttivi, dall’altro dà il  modo di comprendere la limitatezza delle due corsie oggi esistenti e dell’insufficienza manifesta, costringendo gli automobilisti utenti del servizio autostradale, a percorrere l’A22 sempre sulla corsia di sorpasso. Il che, chiaramente, comporta notevoli rischi per la sicurezza. Di qui l’esigenza, per mere finalità conoscitive, di predisporre il presente atto ispettivo.

Un atto ispettivo con il quale, investendo della questione l’Amministrazione provinciale, si vuole chiedere se esistano delle rilevazioni – quanto meno per gli anni 2014, 2015, 2016 e 2017 – dei flussi autostradali di traffico di tir e mezzi pesanti nel tratto di percorrenza tra Bolzano-Rovereto e Ala; in caso affermativo, se vi sia una classificazione automatica della catalogazione in Euro dei mezzi transiatanti,anche per avere piena conoscenza, del grado di inquinamento prodotto dl transito di mezzi, nella stragrande maggioranza stranieri, che risulterebbero essere obsoleti con le normative e regolamentazione della tutela ambientale.

Questo, anche par la conformazione orografica in cui l’attraversamento è stato costruito, che nei fatti, riversa sul fondovalle tutti gli scarichi con le montagne circostanti che fanno da contenitore naturale delle fonti inquinanti.

Tutto ciò premesso il sottoscritto Consigliere

interroga il Presidente della Giunta provinciale e l’Assessore provinciale competente per sapere:

 

  • se esistano delle rilevazioni – quanto meno per gli anni 2014, 2015, 2016 e 2017 – dei flussi autostradali di traffico di tir e mezzi pesanti nel tratto di percorrenza tra Bolzano-Rovereto e Ala ma soprattutto, se di detto traffico, esista una classificazione dei transiti, suddivisi in Euro, per capire quanti e che peso può avere questa tipologia di attraversamento, circa i gas di scarico inquinanti sull’asse dell’asta dell’Adige;
  • in caso affermativo rispetto al quesito precedente, che cosa riferiscono siffatte rilevazioni;
  • se risulti un aumento del flusso di traffico di tir e mezzi pesanti nel tratto di percorrenza tra Bolzano-Rovereto e Ala e nel caso, se si condivide che ormai l’arteria è assolutamente insufficiente all’assorbimento del traffico senza una regolamentazione puntuale che faciliti, ad esempio, i mezzi di nuova concezione in termini di emissioni inquinanti;
  • come e che cosa si stia attivando, in termine di comunicazione e repressione, affinché le autovetture oggidì in perenne circolazione sulla corsia di sorpasso, debbano rientrare sulla corsia di marcia, alla fine di ogni sorpasso, onde evitare le interminabili code che stabilmente viaggiano in modo errato e di ostacolo;

A norma di regolamento si richiede risposta scritta.

Cons. Claudio Civettini