Home Blog APPELLO DI CIVICA TRENTINA PER IL 4 MARZO: NON SI PUO’ VOTARE...

APPELLO DI CIVICA TRENTINA PER IL 4 MARZO: NON SI PUO’ VOTARE IL CENTROSINISTRA

0 229

CONDIVIDI SUI SOCIAL:

Domenica prossima finalmente si vota. Dopo settimane di chiacchiere e promesse mirabolanti, ora la parola passa agli elettori. Noi, pur non partecipando direttamente alle elezioni politiche, abbiamo ritenuto doveroso dare un’indicazione di voto, evidenziando le tematiche che più ci stanno a cuore ed invitando i nostri militanti e simpatizzanti a valutare sulla base di ciò partiti e singoli candidati.
Già allora avevamo evidenziato come in ogni caso il centrosinistra sedicente autonomista di PD, Dellai e Panizza non costituisse un’opzione percorribile. Sia per le politiche che i governi Renzi e Gentiloni hanno portato avanti, che per l’alleanza con Emma Bonino, da sempre esponente di punta di quella cultura della morte da cui Civica Trentina è distante anni luce.
La campagna elettorale ci ha confermati nella nostra opinione. I candidati locali del centrosinistra – ed in particolare quelli della Bonino – si sono dichiarati a favore della liberalizzazione delle droghe leggere, dello ius soli (che peraltro Dellai e Panizza hanno già dichiarato di sostenere nella legislatura appena terminata), del pieno riconoscimento delle coppie omosessuali, con conseguente riconoscimento della vergognosa pratica dell’utero in affitto.
Nulla di nuovo, ma comunque la conferma che è necessario voltare pagina.
Non è possibile sostenere chi ha adottato politiche contro la famiglia naturale (che addirittura promette di condurre alle ultime conseguenze nella prossima legislatura), chi non è stato in grado di (ma forse, più propriamente, non ha voluto) gestire il fenomeno immigratorio, chi, dopo avere per lustri promosso politiche contro la famiglia e la natalità, propone ora di sostituire gli italiani che non sono nati con stranieri di ogni cultura e provenienza, chi ritiene che quello della sicurezza non sia un problema reale, ma “percepito”.
E lo stesso vale a livello locale, anche se Dellai, Panizza ed i loro sostenitori s’affannano a ripetere che con la sinistra non hanno nulla a che spartire. Anzi, questi farisei continuano a ripetere che bisogna votare loro proprio per arginare il PD (ed ora anche la Bonino).
Li avete sentiti certamente – specie i pattini, vecchi e recentemente convertiti – invocare rigore contro il degrado e la delinquenza, esaltare la famiglia naturale, invocare lo stop all’immigrazione senza freni. Sono gli stessi che volevano approvare il disegno di legge che avrebbe consentito ad Arcigay ed Arcilesbica di andare nelle scuole trentine a far lezione ai nostri figli e nipoti.
Gli stessi che, costretti a ritirare il ddl, hanno approvato una mozione che ne riprendeva integralmente i contenuti, poi  neutralizzata grazie a Civica Trentina . Gli stessi che sono a favore della turpe pratica dell’utero in affitto .
Gli stessi che concedono in comodato (a spese dei contribuenti trentini) al Centro Sociale Bruno un immobile a Piedicastello e che anche di fronte ad  atti di violenza  commessi in danno delle Forze dell’Ordine bocciano le proposte di Civica Trentina. Gli stessi che patrocinano iniziative come queste (patrocinio).
Per queste ragioni non si può concedere fiducia al centrosinistra di Dellai, Panizza, Renzi ed Emma Bonino. Civica Trentina per queste ragioni vota ed invita a votare per il cambiamento.