Home Blog Internazionalizzazione delle aziende trentine: si acceleri la grande opportunità per le nostre...

Internazionalizzazione delle aziende trentine: si acceleri la grande opportunità per le nostre aziende! Quali i tempi e i metodi attuativi?

0 571

CONDIVIDI SUI SOCIAL:

 Questa volta, vorremmo credere che ci sia la volontà bipartisan, di concretare un percorso condiviso, per cogliere le opportunità internazionali che le nostre aziende trentine più radicate, cercano, necessitano, condividono e, già di loro, investono.

Proprio per questo ci si augura che l’Ordine del giorno n. 147/XV approvato nel dicembre scorso, in occasione della votazione, in Consiglio provinciale, della Manovra di bilancio, trovi percorsi attuativi snelli e veloci, che possano rispondere ad una esigenza già in corsa per alcune nostre aziende.

Posto che infatti che ciascun impegno merita, in quanto tale, di essere onorato, pena una forte perdita di credibilità di chi se lo è assunto, il provvedimento in parola merita particolare attenzione. Si tratta, infatti, di un Ordine del giorno che attraverso il quale il Consiglio provinciale ha impegnato la Giunta provinciale a

«1. a rafforzare le azioni di sostegno all’internazionalizzazione attraverso lo sviluppo di progetti di filiera e di mercato e l’incremento delle risorse umane e finanziarie dedicate nonché ponendo a sistema ed integrando le diverse linee di intervento in questo ambito che comprendono:

  1.  incentivi della legge unica sull’economia a favore delle imprese esportatrici che già prevedono uno specifico sostegno per le attività indicate (partecipazioni a fiere e mercati; azioni di commercializzazione; progetti di marketing all’estero; acquisizione di servizi specialistici; assunzione all’estero di giovani under 35);
  2.  servizi reali e finanziarti erogati a favore delle imprese dalla Trentino sviluppo e dai principali enti nazionali di settore (Finest, ICE, Simest e Sace) e gli strumenti finanziari provinciali (fondo di garanzia e fondo strategico);
  3.  i progetti di promozione e marketing internazionale e le azioni facenti parte del nuovo pacchetto attrattività volte a favorire l’insediamento in Trentino di nuove imprese e investimenti internazionali».

Ora, chiunque abbia presente la grave situazione economico-produttiva rispetto alla quale, purtroppo, il Trentino non fa eccezione, riconoscerà che un simile impegno – non dissimile da quello già adottato in analoga materia dalla vicina Provincia di Bolzano – è quanto mai opportuno. Di qui la necessità che la Giunta provinciale si attivi immediatamente, sveltendo ogni percorso normativo e deliberativo, dando ai Funzionari competenti la corretta direttiva attuativa per  la realizzazione dell’impegno cui è vincolata dall’Ordine del giorno n. 147/XV,approvato all’unanimità, dandosi dei tempi certi di attuazione, anche coinvolgendo il coordinamento delle stesse aziende per cogliere nei tempi e nei metodi, proprio quelle esigenze che anche il Presidente ha avuto modo di verificare nella visita in Brasile, laddove si è toccato con mano la piattaforma commerciale  già in essere.

Tutto ciò premesso

si interroga il Presidente della Giunta Provinciale per sapere

 

  • se, visto la condivisione all’unanimità dell’Ordine del giorno n. 147/XV, approvato nel dicembre scorso, in occasione della votazione, in Consiglio provinciale, della Manovra di bilancio, si ritiene di dare una corsia preferenziale o una velocizzazione procedurale al dispositivo che prevede quanto sopra riportato in premessa, anche alla luce della grave situazione economico-produttiva rispetto alla quale, purtroppo, il Trentino non fa eccezione;
  • se, convenendo sulla necessaria velocità attuativa, si ritiene di dar corso ad un percorso di condivisione procedurale con le Aziende interessate, proprio per cogliere nel segno le reali esigenze di regia che loro stesse chiederebbero;
  • quale sia la Struttura provinciale o quale l’Azienda di sistema più adatta, e pronte a cogliere l’aspetto procedurale, organizzativo e di stesura della necessaria Delibera attuativa dell’impegno medesimo.

A norma di Regolamento, si richiede risposta scritta.

Cons. Claudio Civettini