Home Blog Olio trentino e olivaie come “oro trentino” da tutelare. Legge finanziaria: approvato...

Olio trentino e olivaie come “oro trentino” da tutelare. Legge finanziaria: approvato ordine del giorno attenzione alle olivaie e all’olio d’oliva del Trentino

0 279

CONDIVIDI SUI SOCIAL:

Proprio per la nota difficoltà a realizzare convergenze politiche, è con un sentimento di soddisfazione che informo dell’avvenuta approvazione, in seno al Consiglio provinciale, in occasione della discussione in corso sulla Legge finanziaria, di una mia Proposta di ordine del giorno che, appunto, ha incontrato la sensibilità dell’Amministrazione provinciale rispetto alla necessità di sostenere quell’invidiata eccellenza e specificità che è produzione trentina di olio.

Quella dell’olio d’oliva, in Trentino, è difatti un’eccellenza nota e nonostante gli sforzi di molta professionalità produttiva e addetti ai lavori, ancora non del tutto valorizzata come merita, quale risorsa importante, sia dal punto di vista produttivo, sia dal punto di vista ambientale. Di qui la soddisfazione per l’approvazione dell’Ordine del giorno in parola, che contiene due impegni molto chiari e specifici.

Il primo vincola la Giunta provinciale a verificare che, urbanisticamente, si possa dar corso ad ulteriori forme di protezione delle olivaie, valutando la possibilità di contenere la frammentazione nei passaggi generazionali, anche attraverso l’adozione di adeguati strumenti legislativi; il secondo, a verificare l’interesse e i vantaggi derivanti dalla sottoscrizione di adeguati protocolli d’intesa con i portatori di interesse per promuovere oli di oliva di qualità superiore prodotti con olive locali.

Tutto questo, beninteso, con una valorizzazione degli aspetti qualitativi, del radicamento nel territorio, della ricchezza varietale, dei processi virtuosi e innovativi e, chiaramente, del gusto. Siccome però è importante, anzi fondamentale che alle parole seguano i fatti, nel comunicare questo passaggio istituzionale annuncio fin d’ora anche il mio impegno di vigilanza affinché detto Ordine del giorno non solo non resti lettera morta, ma trovi applicazione quanto prima.

 

Cons. Claudio Civettini