Home Blog Vaccini: ancora una volta i fatti danno ragione a Civica Trentina

Vaccini: ancora una volta i fatti danno ragione a Civica Trentina

CONDIVIDI SUI SOCIAL:

Alla fine, ancora una volta i fatti danno ragione a Civica Trentina.
Nel settembre scorso avevamo richiesto una seduta straordinaria del Consiglio per discutere una proposta di mozione del consigliere Borga, finalizzata a richiedere molto semplicemente la puntuale applicazione della nuova normativa in materia di vaccini.
Segnatamente chiedevamo che la Giunta applicasse correttamente tale normativa e che conseguentemente i bambini “conformi” (i cui genitori hanno presentato formale richiesta di vaccinazione) potessero concludere l’anno (asili e materne) a  prescindere dall’avvenuta vaccinazione.
Come a Bolzano, ad esempio, e, si ripete nel rispetto della legge. Non chiedevamo proroghe, né deroghe, ma soltanto un po’ di buon senso. Al link  l’intervento del consigliere Borga. La maggioranza ha bocciato la nostra proposta, sostenendo che la legge andava comunque applicata (proprio quello che noi chiedevamo). Ed analoga sorte ha avuto l’analoga proposta  successivamente presentata dal consigliere Civettini.
All’epoca avevamo pubblicamente affermato che la Giunta, nonostante la bocciatura della mozione, non avrebbe avuto il coraggio di espellere nessuno. Se non altro perché la legge non lo prevede.
Bene, dopo aver determinato mesi d’inutili polemiche, dopo aver esasperato una questione che ha determinato spaccature immotivate tra famiglie, dopo aver generato preoccupazioni in migliaia di famiglie, la Giunta annuncia ora di voler fare proprio quello che noi avevamo invano proposto otto mesi fa: nessun bambino “conforme” sarà espulso nel corso dell’anno.
Quello che Rossi e Zeni sostenevano nel settembre dello scorso anno non essere possibile, in quanto contrario alla legge, ora lo è divenuto. Come Civica Trentina ha da sempre sostenuto. E il Presidente Rossi ha ora anche la faccia tosta di affermare: “Adottato il buon senso, tutti uguali nell’attuazione della legge” (link).
L’ennesima figuraccia di una maggioranza, che una volta di più ha dimostrato la propria inadeguatezza.